La Calabria dei Templari

La Calabria, terra dove io vivo, ancora ricca di fratelli templari, ha una lunga tradizione al riguardo.
Uno dei libri che più merita essere letto in merito a tale argomento è quello di giovanni Pascale che ha pazientemente ricostruito, scavando nelle tracce perse in secoli e secoli la storia del templarismo, analizzando dunque il fenomeno, dal punto di vista prettamente storico, nè massonico, nè romanzesco o fantascientifico. Ha evidenziato la presenza templare ad esempio a Mileto, Catona, Seminara, Cirò, solo per indicare alcuni luoghi con dovizia di particolari.
Si è anche occupato di uno dei tanti legami che uniscono Calabria ed Israele: la ceramica maiolica di cui erano fatti diversi castelli e chiese direttamente importata dai templari Calabresi.
Mileto è stata una delle prime città dove, presso la tenuta di Santa Barbara, si sono concentrate le attività templari. A livello invece di coltivazioni, in particolare vigneti, il comune di Petrizzi, dal greco fiore di pietra, che confina con Squillace è stato il primo territorio dove vi sono stati possedimenti Templari, secondo le ricerche dell’autore.
Oggi in Calabria, presso chiese e non solo si svolgono cerimonie dal carattere templare, ma l’autore, dal suo punto di vista, non scommette sul diretto collegamento storico di tali cerimonie con gli attuali ordini che le promuovono. Dicevamo che la Calabria fu grande luogo di esportazione di ceramiche per i templari. Circa il due per cento, secondo studi archeologici inglesi, della ceramica con cui sono costruiti castelli e chiese in Terra Santa dai templari arriva proprio da qui.
Gerace e Tropea erano i centri più grossi della produzione templare. Anche tra gli eretici, furono uccisi templari Calabresi, l’autore in particolare ricostruisce tre storie nel dettaglio. Gli atti processuali, ricavati dall’autore negli archivi segreti Vaticani, sono interamente riportati nell’appendice del libro. Un libro da leggere in definitiva per chi fosse interessato alle vicende storiche dei templari in calabria.

Torna in alto